Sito web ufficiale di Matteo Miceli
Dicembre 2009
Il perché di un giro del mondo
Con la Roma Ocean World voglio dimostrare che esiste un modo diverso di navigare in altura. Dove la tecnologia è al servizio dell’uomo e dell’ambiente
di Matteo Miceli
Qualche settimana fà abbiamo presentato il nuovo progetto Roma Ocean World 2009-2014 che vedrà come momento finale il mio giro del mondo senza scalo da Roma a Roma. L’abbiamo presentato alla sede della Provincia di Roma con la partecipazione del presidente Nicola Zingaretti. Nel cortile di Palazzo Valentini mi era stato chiesto di portare Biondina Nera, il catamarano con cui ho fatto il record in Atlantico e la gente che gli si affollava intorno era anche quella che non era venuta per la conferenza stampa... La domanda che si facevano e mi facevano era sempre la solita. Ma perché? Perché una persona che si presuppone fino a quel momento normale, decide di andarsene su un catamarano di sei metri circa da un lato all’altro dell’Atlantico? A questa domanda ormai non rispondo più. Ho risposto per mesi alle persone che me lo chiedevano, ci ho fatto un dvd e un libro sopra, adesso mi permetto con educazione e cortesia di non rispondere più. Rispondo invece quando mi chiedono perchè partire con questa nuova avventura. Provo a cercare di dare qualche idea qui, anche se il discorso è molto lungo e non potrei esaurirlo in poche righe.

Il giro del mondo sarà solo la fase conclusiva di un lungo lavoro di ricerca che durerà 4 anni in cui voglio costruire una barca con la volontà di mettere a sistema una serie di ipotesi e di parametri progettuali avanzati e svilupparli in un prodotto ad alte prestazioni, ecologicamente ed ambientalmente sostenibile e, non ultimo, commercialmente evoluto. Sarà un viaggio duro e molto lungo, lo so, e forse una prima ragione è in questa sfida nella ricerca nella quale credo molto, una nuova sfida non più solo con me stesso ma rappresenta anche il mio primo passo verso un possibile sviluppo etico ed estetico del prodotto nautico che, attraverso il progetto Roma Ocean World 2009/2014, dimostrerà la reale fruibilità di tecnologie, lavorazioni, progettazioni integrate, energie e sistemi propulsivi innovativi’.

Siamo pronti a partire, dopo 4 anni di duro lavoro Eco40, questo il nome del Class40 autocostruito, salperà il prossimo 19 Ottobre dal Porto di Riva di Traiano per Roma Ocean World.

Il primo giro del mondo, in solitaria, senza assistenza e senza scalo in completa autosufficienza energetica ed alimentare. A bordo infatti non ci sarà neanche una goccia di combustibile fossile.
Eco40 è equipaggiata con pannelli solari, idroturbine e generatori eolici per la produzione di energia. a bordo ci saranno anche due galline per la produzione di uova, che unitamente alla pesca serviranno per l'alimentazione.

 

Matteo Miceli, 2009